Film horror, questi sono maledetti: le storie vere di terrore dietro la macchina da presa

Ci sono alcuni film horror che sono maledetti. Si tratta di storie vere di terrore successe dietro la macchina da presa: ecco quali sono.

L’horror è uno dei generi cinematografici più amati e popolari in tutto il mondo. Sono spesso tra i film in testa al botteghino e tantissimi personaggi sono diventati comuni nella cultura di diversi paesi, ricordiamo Norman Bates in Psycho, ma anche Freddy Krueger in A Nightmare on Elm Street, senza dimenticare il teminile Hannibal Lecter in The Silence of the Lambs.

film horror maledetti
Quali sono i film horror maledetti? – radio7.it

Non è dato sapere perché le persone amano tanto guardare un film horror, nonostante nella vita di tutti i giorni ognuno noi evita tutte le circostanze che potrebbero essere preoccupanti o spaventose. Detto ciò, quello che molti spettatori non sanno è che ci sono stati negli anni alcune pellicole maledette.

Si tratta di eventi realmente accaduti nel corso della ripresa di un film dell’orrore. A volte, infatti, ciò che succede durante una produzione di un’opera cinematografica è ancora più terrificante rispetto a quello che si vede sullo schermo. Andiamo a scoprire i casi più eclatanti.

Film horror, le 10 opere maledette

Di seguito andremo a indicare quali sono quei 10 film horror maledetti. Si tratta di pellicole che sono considerate in questo modo per via degli accadimenti successi dietro la macchina da presa quando si stava girando un’opera.

film horror maledetti
I film 10 film horror maledetti – radio7.it

Il presagio

Le cose accadute nel corso delle riprese del film con Gregory Peck del 1976 sono diverse. Il figlio del protagonista si è suicidato poco prima le riprese del film. L’addestratore di babbuini è stato vittima di un incidente nel quale ha perso la vita dopo l’attacco di una tigre. In seguito due aerei nei quali viaggiavano parte del cast e lo staff sono stati colpiti da un fulmine; un uomo degli effetti speciali è stato coinvolto in un incidente nel quale ha perso la vita una donna.

Nastro rosso a New York

Il film diretto da Roman Polański ha visto morire il produttore William Castle nel 1977 dopo un lungo periodo di malattia per i calcoli renali. Il compositore delle musiche nel 1969 morì per emorragia cerebrale; la moglie di Polański è stata assassinata dai seguaci di Charles Manson. Poi Mia Farrow e Frank Sinatra si separarono; John Lennon è stato assassinato nel 1980 fuori dal palazzo usato per le riprese della pellicola.

L’esorcista

Gli incidenti maledetti che coinvolgono il film del 1973 vedono la morte del fratello di Max von Sydow durante le riprese, mentre Vasiliki Maliaros è morta qualche tempo dopo l’uscita della pellicola. Poi Jack MacGrowan si è ammalato ed è morto, mentre un presentatore tv che aveva scambiato delle parole con il regista è stato investito da una macchina il giorno seguente; un incendio ha distrutto parte del set e per questo ci sono stati dei ritardi.

Shining

Per quanto riguarda il secondo film horror migliore della storia dopo L’esorcista ha visto Shelley Duvall soggetta a bullismo e terrorismo psicologico da parte del regista Stanley Kubrick, la quale perse delle ciocche dei capelli per lo stress; il set furono colpiti da due incendi.

Demoniache presenze

La famosa saga horror fu protagonista di una scia di eventi drammatici iniziati nel 1982 e terminati nel 2009. JoBeth Williams raccontò che dovette nuotare tra gli scheletri umani nel fango perché più economici rispetto a quelli finti. Dominique Dunn è stata strangolata dal fidanzato; Will Sampson è morto dopo un trapianto di cuore e polmoni; Julian Beck si è ammalato di cancro allo stomaco. E poi ancora, Heather O’Rourke è morta a 12 anni per la sindrome di Chron che colpisce l’intestino). Lou Perry è stato ucciso con colpi d’ascia da un ex carcerato.

Ai confini della realtà

I fatti macabri del film in quattro capitoli che ha visto come registi Joe Dante, Steven Spielberg, George Miller e John Landis ha visto un elicottero coinvolto da un’esplosione che ha decapitato l’attore Vic Morrow e un bambino, mentre un altro bambino è rimasto schiacciato dal mezzo ed è morto annegato. La carriera del regista Landis ha chiuso la sua carriera per aver infranto le leggi sul lavoro minorile.

Il corvo

Il film del 1994 ha visto l’attore Brandon Lee rimasto vittima di un terribile incidente dove il proiettile sparato durante una scena lo ha ucciso perché la pistola era caricata con pallottole reali, quella che ha colpito Lee aveva la punta di piombo di una cartuccia a salve. La pellicola rimase incompiuta ma riuscì ad arrivare alla fine grazie a delle controfigure e degli effetti speciali.

The Ring

Nel secondo capitolo della saga, una settimana dopo l’inizio delle riprese, un tubo dell’acqua è esploso allagando gli edifici. Uno sciame ha invaso un camion della produzione, gli uffici furono allagati una seconda volta per via dell’esplosione improvvisa di una tanica d’acqua presente sul set.

La passione di Cristo

La persona più colpita durante le riprese del film è stato Jim Caviezel, l’attore protagonista le cui sfortune partono con un’infezione polmonare per poi proseguire con ipotermia e un’infezione alla pelle per colpa del trucco. Un fulminee ha colpito Jim e Jan Michelini, gli assistenti alla regia che rimasero folgorati.

Il mago di Oz

Il del 1939 ha avuto diverse disavventure sul set con Buddy Ebsen che ha lasciato le riprese perché la polvere di alluminio del trucco si era depositata nei polmoni. Il costume di Margaret Hamilton ha preso fuoco e lei rimase ustionata con la sua controfigura. La cagnolina che interpretava Toto rimase ferita dopo che qualcuno le calpestò una zampa.