Giorgia Soleri, dopo il gesto estremo torna sui suoi passi: il duro attacco

Giorgia Soleri sa sicuramente come attirare l’attenzione del web, che sia nel bene o nel male. Dopo il gesto estremo ha deciso di tornare sui suoi passi attirando numerose polemiche.

Modella, influencer e poetessa, Giorgia Soleri è finita nuovamente al centro delle attenzioni del web. Famosa per la sua battaglia per il riconoscimento di patologie croniche come l’endometriosi e la vulvodinia (delle quali lei stessa soffre), questa volta fa discutere per le decisioni contraddittorie che ha preso nell’ultimo periodo.

Giorgia Soleri torna sui suoi passi dopo il gesto estremo
Giorgia Soleri, dopo il gesto estremo la scrittrice ritorna sui suoi passi (Instagram) – radio7.it

Classe 1996, ha iniziato a guadagnare una certa popolarità sui social grazie al suo lavoro di modella e al suo attivismo, in particolare per quanto riguarda temi come il femminismo e i diritti delle donne. Alla sua fama ha contribuito anche l’ufficializzazione della relazione con Damiano David, cantante e frontman dei Maneskin. Presto le è stato affibbiato il titolo di “fidanzata di”, che la scrittrice ha più volte dichiarato di non gradire affatto.

I due hanno rivelato di avere una storia nel 2021, anche se il loro amore ha avuto inizio molto prima. Lo scorso anno Giorgia ha pubblicato la raccolta di poesie dal titolo “La Signorina Nessuno”, per poi lanciarsi in una nuova avventura: sarà una delle protagoniste della nuova edizione di “Pechino Express”, al quale ha partecipato in coppia con Federippi. La sua carriera sta procedendo spedita e, sui social, vanta un profilo seguito da 770 mila followers.

Eppure, nelle scorse settimane, ha deciso di prendere una decisione drastica chiudendo i suoi profili Instagram e Twitter. Per quale motivo? La scrittrice non sopportava più gli attacchi degli haters. Non è certamente l’unica ad essere presa di mira sul web, ma allo stesso tempo non è difficile immaginare quanto sia pesante avere a che fare con l’odio online quotidianamente. La goccia che ha fato traboccare il vaso sono stati i commenti di chi minimizza la sua malattia e tutto ciò che comporta.

Giorgia Soleri, lo sfogo dopo le polemiche sui social

“Devo sorbirmi ‘sta gente, che dopo due minuti su Google si sente in diritto di negare, sminuire, invalidare il mio dolore” ha affermato in uno sfogo nelle sue storie. Prima di disattivare i suoi account ha ribadito di avere una malattia cronica. In effetti sono tanti gli utenti che hanno dimostrato di avere una scarsa empatia nei suoi confronti, prendendo la sofferenza di cui parla sotto gamba.

Giorgia Soleri, il duro attacco sui social
(Instagram) – radio7.it

Alcuni users, per esempio, hanno insinuato che il suo endo-belly non sia in realtà dovuto alla patologia che colpisce molte donne, affermando che si tratti solamente di un gonfiore provocato dalle eccessive mangiate. Giorgia non ha potuto nascondere la sua insofferenza davanti a commenti del genere. Così ha deciso di prendersi una pausa dai social e solamente negli scorsi giorni ha rotto il silenzio.

La scrittrice è tornata sui suoi passi, condividendo una riflessione in merito ad un articolo sulla vulvodinia pubblicato da una rivista italiana, nel quale viene consigliato l’uso di “creme o gel anestetizzanti da applicare in loco, in particolare prima dei rapporti sessuali”. Nel suo post, Giorgia ha parlato di come in realtà utilizzare creme anestetiche sia solamente rischioso. Il loro effetto (oltre a collegarsi a diverse controindicazioni) finisce col silenziare “anche qualsiasi risposta prodotta dal nostro corpo in seguito a uno stimolo”, quindi anche quelle collegate al piacere.

A detta dell’influencer, l’articolo è frutto di una concezione patriarcale, per cui l’appagamento sessuale della donna passa sempre in secondo piano (“è spesso considerato opzionale, accessorio, trascurabile”).

Com’è facile immaginare molte persone sui social hanno storto il naso: che il temporaneo ritiro dai social sia stato messo in pratica solo per attirare ulteriormente l’attenzione?

Impostazioni privacy