Al Bano e la lettera a Putin: quello che non sai

Al Bano ha scritto una lettera a Putin per chiedergli qualcosa di importante

Albano e Putin visto il grande successo del cantante in Russia ha sempre avuto un ottimo rapporto con il Presidente. Tra i due telefonate, chiacchierate e soprattutto un rapporto di stima e affetto reciproco che sembra però terminato quando Vladmir Putin ha invaso l’Ucraina. Da più di sei mesi c’è una guerra senza fine, morti e tanta distruzione che ha indignato il mondo intero. Eppure, ad oggi nella terra Ucraina nulla è cambiato e dopo svariati appelli da parte dei leader mondiali nel cessare il fuoco, ecco che Al Bano ha voluto dire la sua al “vecchio amico” con una lettera.

al bano
al bano carrisi e la lettera a putin

La lettera di Al Bano a Putin: “solo distruzione”

Al Bano Carrisi ha voluto mandare una missiva a Putin per spiegargli il suo punto di vista e il suo pensiero a riguardo quello che sta accadendo. “Caro Putin, so che sei molto ‘impegnato’ in azioni che seminano solo drammi e distruzione e mi sembra anche di capire che non ci sia, da parte tua, alcuna intenzione di mettere un punto a questo grande atto di follia.

Tu che sei il ‘grande’ Putin, tu che sei il capo di Stato ma che sei anche padre; tu che la sera hai la possibilità di andare a dormire nella tua casa, nel tuo letto, sicuramente con i tuoi figli, per un attimo, solo per un attimo, fermati a pensare a coloro i quali si vedono cadere addosso le bombe e che devono fuggire dalla propria casa”

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Al Bano (@albano_official_)

 

Il messaggio di Carrisi, un colpo al cuore

Parole commoventi e strazianti quelle di Carrisi rivolte al grande Putin. Anche l’artista di Cellino San Marco sta soffrendo molto per tutto il male e il sangue che si sta spargendo nel paese.

Albano ha ricordato infine al suo amico di pensare soprattutto ai tanti bambini innocenti che stanno morendo in questa folle azione militare. Di pensare a loro e alla vita che gli sta negando.

Infine, gli ha anche ricordato di pensare ai 10 comandamenti, in particolare al quinto “non uccidere”. L’artista lo ha invitato ancora a bloccare la guerra, prima di lui a spargere tanto sangue ci ha già pensato Hitler. La storia non si deve ripetere.

Fonte: donnaglamour

Per tutte le altre news ed anticipazioni continuate a seguirci su radio 7