Amianto sul tetto e non sai come fare: ci sono 2 metodi per risolvere il problema

Può succedere che ti ritrovi con una vecchia copertura in amianto e devi incapsularla, ecco come puoi fare per evitare problemi.

Come sappiamo nel corso degli anni che ci siamo lasciati alle spalle spesso è stato utilizzato un materiale che si è rivelato molto pericoloso per la nostra salute, stiamo parlando dell’amianto.

Hai una copertura in amianto? Ecco come fare e risparmiare
Hai una copertura in amianto? Ecco come fare e risparmiare (pixabay)

Con lui sono stati realizzati moltissimi manufatti per l’edilizia, o isolamenti termici, inoltre moltissimi prodotti hanno l’aggiunta di fibre di amianto per migliorare le loro prestazioni termiche.

Hai una copertura in amianto? Ecco come fare e risparmiare

Ma con il passare del tempo, per via del loro deterioramento ha evidenziato la sua pericolosità perchè le sue particelle sono molto volatili e possono causare gravissime malattie, come il mesotelioma pleurico.

Con una legge, dopo tanti avvenimenti, è stato assolutamente vietato, parliamo della legge del 1992 la n 257, ma purtroppo ci sono ancora molte costruzioni che hanno una piccola, o grossa quantità di amianto al loro interno che sono una minaccia per tutti.

Se poi ci sono delle demolizioni, il rischio di avere un problema, dopo l’invecchiamento di queste coperture diventa ancora maggiore, e soprattutto ci dobbiamo affidare a ditte che lo fanno di lavoro smaltire l’amianto, con costi molto alti per via delle misure di sicurezza da adottare.

Ma se abbiamo una copertura in buono stato non conviene demolirla possiamo metterla in sicurezza è molto più utile ed anche economico per il nostro portafoglio, ma come? Con l’incapsulamento, ci sono in questo caso due modi per farlo.

Il primo prevede l’utilizzo di alcune resine e prodotti penetranti che possono garantire la sua sicurezza nel tempo, perchè prima di fare questo passaggio viene pulita la parte da trattare, in questo modo si avrà una perfetta adesione.

Ovviamente viene eseguito tutto con la massima sicurezza in base alle norme da rispettare, una volta lavata e perfettamente asciugata la parte si inizia l’applicazione del prodotto impregnante, tenendo conto della pendenza, dall’alto verso il basso.

Una volta asciugato si passano due mani del prodotto incapsulante con due colori diversi, le due mani vanno incrociate tra di loro, riparando anche parti che possono essere fratturare dalla copertura con prodotti idonei

I prodotti si distinguono in penetranti e ricoprenti, con il primo leghiamo per fibre di amianto tra di loro mentre con il secondo creiamo una sorta di pellicola protettiva di sicurezza.

Ovviamente, quando il trattamento è terminato abbiamo una certificazione secondo la legge che i prodotti ed i lavori hanno eseguito la procedura indicata, questa documentazione deve essere conservata ed in caso di controllo esposta alle autorità come indica il D.M. 20/08/1999.

Una volta fatto l’incapsulamento è sempre bene fare dei controlli tra una stagione e l’altra per verificare che non ci sono ritocchi da fare magari dovuti a particolari condizioni metereologiche che ci sono state.

Hai una copertura in amianto? Ecco come fare e risparmiare
Hai una copertura in amianto? Ecco come fare e risparmiare (pixabay)

Questo metodo ha una durata di circa 20 anni, ma passiamo al secondo metodo, ovvero un trattamento a spruzzo airless di poliuretano ad alta densità su tutta la superficie che dobbiamo trattare.

Anche in questo caso, le ditte specializzate che fanno questo lavoro vi rilasciano una particolare certificazione, ma l’impiego di questo prodotto non raggiunge un grado di penetrazione tale da stabilizzare le fibre di amianto, ma ha lo scopo solo di non farlo sfaldare e disperdersi nell’aria.

Si riducono i tempi di realizzazione e non è necessario avere particolari autorizzazioni per la sua realizzazione, lavorando anche in modo più veloce, ma sempre in sicurezza, è possibile anche applicarlo più volte.

In questo caso, applicandolo più volte possiamo arrivare anche ad un buon isolamento termico oltre ad una sorta di incapsulamento dell’amianto, ed è molto adattabile alle nostre esigenze.

Ovviamente anche in questo caso abbiamo delle garanzie decennali a patto che vengano effettuate le opere di manutenzione, per concludere, il trattamento con poliuretano è più economico di quello con le resine, anche in vista di una minore complessità e di assistenza nello smaltimento.