Corsa e perdita di peso | Lo sport dà benefici quando è fatto bene!

Ci hanno sempre detto che fare attività fisica regolare, ogni giorno, aiuta a mantenere il nostro corpo in salute e, anche, a vivere più a lungo. C’è chi sceglie il nuoto, chi il calcio…e chi anche la semplice corsa. 

Ma c’è una cosa alla quale dobbiamo stare attenti. Perché corriamo? Per dimagrire o perché fa bene alla salute? Ecco alcuni miti da sfatare, o meglio, da correggere. Perché non sempre alcune cose sono vere.

Corsa e dimagrimentoSport e corsa: come iniziare bene

La prova costume, ormai, l’abbiamo superata o meno, poco importa. L’importante è essere in spiaggia a rilassarci o, comunque, in pace con noi stessi e staccare, almeno per qualche giorno, la spina dalla nostra routine quotidiana.

Ma facciamo un passo indietro: alzino la mano quanti di noi, a partire dal post Pasqua e Pasquetta, hanno iniziato a pensare di “andare a correre” per smaltire quei chiletti in più accumulati durante l’anno? Un po’ tutti. C’è chi l’ha fatto e chi no, ma c’è anche chi ha iniziato a correre ma non ha visto i risultati sperati. Ovvero: si corre si corre, ma perché non si dimagrisce?

C’è qualcosa che sbagliamo? In effetti no, ma ci sono dei piccoli accorgimenti che dobbiamo rispettare per far sì che “la corsa porti al risultato sperato”, ovvero la perdita di peso.

Partiamo dal presupposto che la perdita di peso, con l’attività fisica, è graduale non immediata. Sono in molti, specie i sedentari per natura, che pensano che dopo 4 – 5 volte che si è andati a correre, il peso scenda automaticamente. Non è sempre così, o meglio, non sempre succede. Partiamo da un semplice conticino matematico: per perdere 500g di peso corporeo, dobbiamo bruciare 3500 calorie.

E come si fa? Creando un deficit calorico contenuto, che non deve mai superare le 300 o, al massimo, le 600 calorie al giorno. Così si dimagrisce in modo sano e senza stress, non si compromette la nostra salute e non si va incontro ad un deperimento.

Perdita di peso e sport: quando le due cose non conciliano?

Secondo passo: non siamo attaccati, ogni giorno, alla bilancia. Il nostro corpo è fatto di massa magra, liquidi e massa grassa. Ma la bilancia questo non lo sa e, quando ci pesiamo, “pesa tutto il blocco” senza distinzione alcuna. Consideriamo, anche, che i muscoli pesano più del grasso, in un rapporto volume – peso.

Quindi, se stiamo facendo regolare sport, la nostra bilancia potrà anche dirci che stiamo ingrassando, ma in realtà stiamo mettendo su massa muscolare…il che non è male.

Quando corriamo, inoltre, diamo una “scossa” al nostro metabolismo. Ma, come qualsiasi attività, il nostro corpo nei primi tempi deve abituarsi, in particolare con l’alimentazione, perché ci rendiamo conto che bruciamo più grassi. Per questo, non incappiamo nell’errore che, siccome si va a correre, si può mangiare qualsiasi cosa…”tanto si dimagrisce correndo”.

La corsa: se fatta bene, porta benefici

Non è così: dobbiamo ben calcolare il nostro fabbisogno calorico giornaliero, in base all’attività fisica che stiamo facendo. L’importante è assumere sempre le giuste dosi e mai strafare, perché seppur in movimento più del solito, i nostri muscoli e il nostro corpo in generale, ha sempre bisogno del giusto nutrimento.

Quando corriamo, facciamo anche attenzione alla nostra frequenza cardiaca. Prima di iniziare un’attività sportiva o fisica, è bene sempre farsi visitare dal medico, per evitare qualsiasi tipo di rischio per la nostra salute, e fare sport in modo sano.

Lo sport, come anche la corsa, non devono stressarci. Piano piano i risultati si ottengono, ma non tutto e subito. Come dicevamo all’inizio, la perdita di peso è graduale non immediata. Quindi, calma e sangue freddo e corriamo per la nostra salute.