Depressione e frutta | Dalla natura la nuova frontiera per la salute mentale

La depressione è uno dei mali di questo secolo. La pandemia ed il lockdown hanno contribuito ad aumentare, in modo esponenziale, chi ne è affetto. Ma ora c’è una nuova speranza nella sua prevenzione e cura.

Oltre alle terapie mediche, anche uno stile di vita ed un’alimentazione sana possono aiutare a vincerla. La frutta è uno di questi alimenti.

Depressione e Frutta

La frutta è l’arma giusta?

La depressione affligge tante persone. A causa del lockdown, visto da alcuni come una sorta di reclusione forzata, questa é fortemente aumentata. Oggi sono tantissime le persone a soffrirne pur non avendo mai avuto alcun tipo di sintomo prima.

La terapia medica e psicologica, ovviamente, è quella primaria da seguire. Ma, accanto a queste, possono esserci altri elementi (alimentari anche) che contribuiscono ad alleviare i sintomi e a rendere la vita più facile e a migliorare anche il modo di vivere.

Un recente studio inglese condotto dai ricercatori della Aston University nel Regno Unito ha osservato come un consumo giornaliero di frutta contribuisce al buon mantenimento della salute mentale e previene i sintomi della depressione.

Gli scienziati hanno esaminato ben 428 persone che abitano nel Regno Unito. Ad esse sono stati forniti dei moduli e dei questionari da compilare che riguardavano alcune loro abitudini alimentari e come, queste, potevano influire sulla loro salute mentale.

Chi mangia frutta è meno soggetto a depressione

Cosa ne è venuto fuori? Coloro che sono consumatori abituali di frutta e la mangiano con regolarità, avevano un punteggio basso per quel che riguardava i sintomi della depressione ed avevano un buon grado di benessere mentale e psicologico.

Cosa differente, invece, è risultata per coloro che non mangiando frutta (e preferendo a questa degli snack salati), avevano una salute mentale inferiore rispetto a coloro che mangiavano frutta ed erano maggiormente soggetti ad avere dei vuoti mentali nel corso della giornata.

Una maggiore frequenza proprio di questi episodi, porta, a lungo andare, a differenti sintomi afferenti, poi, a depressione, stress ed ansia. Lo studio deve, ancora stabilire i suoi dati definitivi, ma i ricercatori sono fiduciosi che porterà a grandi risultati.

Da una prima analisi ne è emerso che gli antiossidanti i micronutrienti presenti nella frutta sono loro ad esser utili al mantenimento di una buona salute mentale, insieme ad un corretto stile di vita. Una strada ancora lunga, ma le premesse fanno ben sperare.