Multe ed aria condizionata | Cosa è importante sapere per evitare spiacevoli inconvenienti

L’aria condizionata, insieme ai ventilatori, sono gli unici mezzi che possono aiutarci a sopportare la calura di questi giorni. Pensavamo che anche accenderla mentre siamo in auto poteva darci sollievo. Ed invece, c’è qualcosa al quale dobbiamo prestare attenzione.

Non sempre la si può accendere in macchina. Vi starete domandando il perché…ve lo diciamo noi per evitare spiacevoli e soprattuto costosi risvolti negativi.

Multe Aria condizionata auto

Aria condizionata: multe se siamo in auto?

Quando siamo in macchina, magari dopo che questa è stata ferma parcheggiata sotto il sole, accendere l’aria condizionata è davvero un sollievo. Pensare che fuori sono 40° mentre all’interno soltanto 25°, ci fa cambiare la visione della nostra giornata. Credevamo che, almeno in macchina, si potesse essere liberi di accenderla e starcene comodi al fresco. Ma non è sempre così.

Non è sempre consentito infatti accendere il climatizzatore in auto. Possiamo esser multati di ben 444 euro. Perché? Semplice: ce lo dice il codice della strada. Non possiamo tenere l’auto ferma, con motore acceso, per dar funzionamento all’aria condizionata”. Quando si è in marcia, non ci sono problemi, ma da fermi proprio no.

Quando siamo fermi in sosta in un parcheggio, nelle aree autogrill dell’autostrada o, in altri casi, in piazzole di sosta, l’auto deve esser spenta e, di conseguenza, niente aria condizionata. Molti penseranno ad una novità, ma non è assolutamente così.

Se l’auto è ferma, il condizionatore deve esser spento

Tale legge è stata inserita nel codice della strada già dal 2007. Nel corso degli anni ha subito delle modifiche, come nel 2010. Ma è l’aggiornamento dell’importo della multa che ha avuto l’ultima definitiva impennata proprio ad aprile 2022, facendola lievitare fino a 444 euro.

Possiamo ben capire che la questione è ambientale. L’auto ferma ma a motore acceso per far funzionare l’aria condizionata, inquina e rilascia nell’aria più anidride carbonica di quando l’auto è in marcia. Le Forze dell’Ordine, smistate sull’intero territorio nazionale, sono state adibite anche a questo tipo di controllo, in particolare la Polizia locale.

Uno dei primi casi di multa per “auto ferma ma con aria condizionata accesa” lo si è avuto a Como, qualche anno fa. La Polizia locale ha elevato una multa di 220€ contro l’automobilista che si era fermato a bordo della strada, aveva lasciato l’auto accesa per via dell’aria condizionata e stava facendo una telefonata.

Insomma: guardiamoci bene dall’utilizzo corretto del “refrigeratore più amato”, perché può costarci molto caro.